PD, De Menech, l'ammazza provincia di Belluno e l'astensione meditativa

Non capisco le recondite finalità con cui il sito provinciale (a proposito: si può dire “provinciale” o è meglio usare la dizione “bellunese”?) del piddimenoelle ha voluto rimarcare che il deputato De Menech si è astenuto durante la votazione del progetto di legge n. 1542 che condanna, è inutile usare altre parole, la provincia di Belluno ad un ruolo marginalissimo all’interno del contenitore regionale.

Perché, per tutto ciò che è stato detto finora sull’argomento dello “svuota Province” dalla corte del PD, scagnozzi e tirapiedi compresi, oltre all’apporto di un vuoto – questo sì – quanto banalissimo ministro Delrio, il peones De Menech avrebbe fatto meglio, piuttosto, a votare a favore del provvedimento; avrebbe fatto una miglior figura e potremmo oggi solo pensare ad un peones piegato ai diktat del partito. Astenendosi, ha semplicemente aperto la corte del letamaio delle “decisioni politiche” e ci si è buttato a capofitto: si tratta solo di aspettare che riemerga e chiarisca, con dovizia di particolari, il perché di questa sua scelta, in modo da farci sapere “da che parte sta” 🙂 .

Certo, se avesse votato contro, questa domanda avrebbe già una risposta: sarebbe stato dalla parte dei bellunesi.

(può anche darsi tuttavia che l’astensione sia il preludio ad un più fecondo periodo meditativo antropomorfo, del tipo “essere o non essere, questo è il problema …”)

gorilla pensieroso

(immagine: google)

7 commenti per PD, De Menech, l’ammazza provincia di Belluno e l’astensione meditativa

  • Gigio

    Votando si sarebbe schierato.
    Astendendosi ha scelto l’astuzia politica di poi eventualmente giustificarsi con una balla qualsiasi.
    Questo dimostra ciò che sono determinati soggetti e determinati sindaci o pubblici amministratori…… delle nullità e nulla più.

  • Obelix

    e invece l’altro che non è andato direttamente a votare per non essere cacciato da Casaleggio è uno che difende il suo territorio, veramente.

  • Gigio

    Obelix per favore potresti dire chi sarebbe costui, tanto per farsi un’idea anche su questo soggetto e per capire in che modo ignobile e indegno percepiscono i soldi da parlamentare. Grazie

  • @Obelix, poco ha fatto finora D’Incà per la provincia di Belluno, ma l’hanno sempre detto che erano “contro l’ente Provincia”; inoltre il M5S ha votato contro il provvedimento, non tanto perché volessero mantenere le Province quanto perché hanno ritenuto che fosse una “finta abolizione” (infatti le province vengono svuotate di molte prerogative, diventano enti di secondo grado cioè colonizzate dai sindaci senza legittimazione popolare, sono messe in quarantena in attesa di una legge costtuzionale che ne decreti l’eliminazione, danno spazio alle città metropolitane, pur previste da mo’, presiuedute dal sindaco del capoluogo: nell’insieme una stronzata pazzesca)

    @Gigio, si tratta, come già detto sopra, di D’Incà, deputato del M5S che risultava essere in missione (per vederlo bisogna cliccare sul link che rimanda al sito del PD). I bellunesi in parlamento sono 4: due deputati,De Menech (PD), D’Incà (M5S), e due senatori, Piccoli (FI), Bellot (LN).

  • Gigio

    Danilo, grazie per l’informazione.

  • montanaro K

    quando mai vi siete interessati di provincia fino adesso? Si forse per piazzare qualche libro… siate sinceri e rispondete in cuor vostro.

  • @montanaro K,
    soggetto? A chi ti riferisci?