mamma ho (quasi) perso il residuo fiscale

Al Barometro della finanza pubblica dell’Osservatorio sul Federalismo (pubblicato da Unioncamere Veneto & Consiglio regionale) sono “abbonato” da lunga data:

…La informiamo che sul sito www.osservatoriofederalismo.eu è disponibile il n. 2/2017 del Barometro della Finanza Pubblica, il report statistico mensile curato dal Centro Studi di Unioncamere Veneto. Rinnovato nella veste grafica e nell’articolazione interna, il Barometro fornisce un aggiornamento sistematico sulla struttura ed evoluzione della finanza pubblica italiana. 

Sicché mi ci ficco… scoprendo con disappunto, almeno a guardare la tabella della sezione 3-Residuo fiscale, che il residuo fiscale [leggi tutto …]

la Serracchiani, l'autonomia bellunese e i cordoni delle borse

La Serracchiani ha sempre avuto su di me un effetto, direi, arrappante. Non per niente le ho dedicato più di qualche post. Quando parla, qualcosa mi tira, soprattutto quando affronta temi di carattere economico.

Questa volta è diverso, i temi sono “autonomistici”. Secondo la pupetta piddina, Zaia deve dare l’autonomia al territorio bellunese. Ora, speriamo che la Carnia, che in pratica è una favelas di estensioni mastodontiche, non avanzi mai pretese autonomistiche “serie”, altrimenti la cheerleader governatora potrebbe rompersi.

In secondo luogo, la “autonomia” ha almeno 50 [leggi tutto …]

ecco di chi sono i cosiddetti soldi europei tanto sbandierati

(astenersi piddini, piddioti, piddoni e, soprattutto, piddeuristi; questi ultimi sono piddoni al cubo; i piddoni sono piddini coglioni; i piddioti sono piddini col ruolo di utili idioti; i piddini e basta sono brava gente anestetizzata e sprofondata in letargo da cui non possono – non vogliono – uscire)

Non è la prima volta che la CGIA sfodera i dati di bilancio dei vari paesi UE a dimostrazione (ad uso e consumo dei bifolchi di casa nostra) che l’Italia è contributore netto, cioè dà più soldi alla [leggi tutto …]

la Chiesa veneta boccia la secessione (ma approva lo sciopero fiscale)

Quando la chiesa è maiuscolata – Chiesa – è lecito pensare che ci si riferisca a un qualche pollo ai vertici, dato che la Chiesa è un’organizzazione gerarchica verticistica (peraltro misogina) tendente alla perdizione oops alla perfezione (mi sto riferendo al Gazzettino di oggi che scrive per l’appunto “La Chiesa veneta boccia la secessione“). Poi ci sono i polli ruspanti, i preti di campagna, che normalmente fanno da catena di trasmissione dei polli ai vertici.

Ieri mi è capitato di citare questo aforisma: “Sapete perché i generali [leggi tutto …]

ma Crozza non lo sa che la Liguria è una regione parassita del nord

Maurizio Crozza fa il suo mestiere. Prendere per il culo. Lo ha fatto, per esempio, nei confronti dei veneti e dei non-veneti (io non lo sono) che hanno votato SI al referendum per l’indipendenza del Veneto recentemente svoltosi. Dice, Crozza, che prenderebbe in giro anche i liguri se si proponesse un referendum per una Liguria indipendente dall’Italia.

C’è da credergli sulla parola.

Anche perché la Liguria è una regione che parassita il nord.

Basta verificare: la Liguria aveva nel 2012 un residuo fiscale di -1.470 milioni di [leggi tutto …]

l'1 e il 2 marzo si firma per l'indizione del referendum per l'Indipendenza del Veneto

L’Indipendenza del Veneto non è dei partiti ma della gente, dei cittadini.

Parla Salvini:

“Ogni anno il Veneto regala 21 miliardi allo stato italiano ricevendo in cambio servizi da poco o niente. Quindi la voglia d’indipendenza è fondata ed è la speranza. Da una parte c’è l’indipendenza e dall’altro il centralismo.  Mi auguro che sabato e domenica ai nostri gazebo arrivi tanta gente, anche non leghisti, perché si tratta di una firma non per la Lega ma per il futuro nostro e dei nostri figli”.

Qui il sito [leggi tutto …]

e daje! (Zaia e la compulsione da 21 mld di tasse)

E ridaje! E tridaje!

Zaia, lo sciopero fiscale e don Marino (prete ... gandhiano)

E’ un po’ che Zaia la mena con la storia dello sciopero fiscale. Sappiamo tutti che non c’è altra strada per affamare la bestia, cioè lo stato talian, che lo sciopero fiscale TOTALE. Il problema è, come al solito, chi inizia e chi lo guida! In realtà stiamo tutti aspettando che la corda della sopportazione “veneta” si tenda, si tenda ancora e poi ancora e poi ancora fino a quando crack … salterà tutto.

Nel frattempo Zaia potrebbe farsi benedire da don Marino Ruggero, che sembra [leggi tutto …]

Trento pronta a dare altri 500 milioni a Roma ladrona (senza neanche una lacrima)

Come dire: chi di residuo fiscale ferisce, di residuo fiscale perisce.

Veramente i conti non tornano ma, per ora, riporto solo la cronaca, ché la partita dei residui fiscali (qui un esempio) è piuttosto complessa e si sta un attimo a scivolare sulla buccia di banana, soprattutto quando si vanno a fare i conticini nella zona di frontiera, lì dove il residuo cambia di segno…

Per il resto cose già viste e sentite… anzi no: perché Rossi, se non ricordo male, dopo la sceneggiata burina di Vespa [leggi tutto …]

ogni tanto fa bene ricordare che il 'sacco del Nord' continua

Ogni tanto fa bene ricordare che il “sacco del Nord” continua. L’abbiamo già fatto con dovizia di dati in Federalismo e distribuzione del residuo fiscale in Italia 2012, ed è proprio partendo da quei dati che Marco Bassani …

56 miliardi. L’Italia ringrazia lo schiavo fiscale lombardo

E’ l’ammontare del residuo fiscale della Lombardia nel 2012. Il 2013 rischia di essere ancora peggio (vedere contatore Intraprendente). Lo schema rapina al Nord e assistenzialismo al Sud ormai non regge più. Urge scossa al sistema

[…] Ma rimaniamo alla Lombardia, il [leggi tutto …]